VIA CRUCIS

Ambito/Autore : Ambito trentino

Periodo storico: 18° secolo
Anno: 1779 ca.
Soggetto: Via Crucis
Luogo di conservazione: Cles, chiesa di Sant’Antonio da Padova
Materia e tecnica: olio su tela, cm 86 x 65,5

Descrizione:

Su questa serie di tele, genericamente citate dagli inventari senza indicazioni cronologiche o attributive, mancano ragguagli documentari, solitamente generosi in considerazione del ruolo precipuo dei frati minori nella propagazione del pio esercizio e nella consacrazione delle relative immagini. Tuttavia la realizzazione, nel 1779 del Cristo morto da parte di Giambattista Lampi quale brano conclusivo del percorso, consente di assumere lo stesso riferimento cronologico per le tredici tele. L’indicazione è del tutto coerente con la loro dimensione figurativa, tipica del Settecento inoltrato. Nonostante la ricerca di una certa solennità nelle figure ampiamente ammantate, si tratta di opere piuttosto modeste, che riverberano cadenze presaghe dell’età neoclassica. La stazione XIV venne dipinta nel 1923 da Angelo Molinari, in sostituzione del Cristo morto di Lampi collocato in quel torno di anni nel refettorio del convento.

Fonti: ACPFM, busta 307, Inventario 1927, n. 10; busta 244, Inventario 1959, p. 659, n. 68; SBC Chini 1981/ OA/ 00034605-618; ACSA, Inventario 2013, p. 7.

Bibliografia: Stenico 2004c, p. 296.

torna ai risultati della ricerca