La Fondazione Biblioteca San Bernardino  con sede a Trento è un ente appartenente alla Provincia S. Antonio dei Frati Minori e ha come scopo la conservazione, tutela e valorizzazione del patrimonio librario, archivistico e storico-artistico raccolto nel corso dei secoli dai Frati Minori sul territorio trentino.

La presenza di una biblioteca presso il vecchio convento di San Bernardino a Trento è attestata da note manoscritte apposte sui volumi sin dal 1494.

Attualmente, presso la propria sede, la Fondazione raccoglie, oltre al cospicuo fondo del convento di Trento, le biblioteche dei conventi di Arco, Borgo Valsugana, Pergine, Mezzolombardo, Cles, Cavalese e Rovereto.

Il suo patrimonio supera i 220.000 volumi e  comprende più di 30.000 edizioni antiche (precedenti al XIX secolo) tra le quali si segnalano gli oltre 300 incunaboli e le 3.600 edizioni del Cinquecento.

Cuore della biblioteca è la “sala antica” realizzata alla metà del XVIII secolo, che conservatasi da allora, le conferisce una suggestione particolare

Avvisi

Variazione modalità di accesso causa COVID

ATTENZIONE

A causa del persistere dell’emergenza sanitaria si ricorda che l’accesso alla sala di lettura della biblioteca è possibile solo su prenotazione.

È sufficiente scrivere un’e-mail a fondazione@bibliotecasanbernardino.it indicando il giorno e l’ora in cui si intende consultare materiale in sede e attendere la conferma. In alternativa è possibile telefonare al +390461234185.

Si ricorda che l’ingresso è consentito ad un massimo di tre utenti. È obbligatorio indossare la mascherina, osservare il distanziamento ed igienizzare le mani con l’apposito gel all’ingresso.

La Biblioteca

Possiede oltre 220.000 volumi di cui: 
1.200     volumi manoscritti di natura varia
310     incunaboli
3.600 Edizioni sec. XVI
5.940 Edizioni sec. XVII
20.160 Edizioni sec. XVIII
40.000 Edizioni sec. XIX
119.000 Edizioni sec. XX-XXI

ALCUNI CENNI STORICI

Fra il 1452 e il 1460 i Francescani dell’Osservanza si costruirono un nuovo convento intitolato a s. Bernardino da Siena, nella località detta alle Ghiaie, fuori le mura della città di Trento, a Sud Est, sulla sponda sinistra del torrente Fersina.  

Qui nacque la biblioteca di San Bernardino nel 1494, come fanno fede le note di possesso poste su alcuni volumi incunaboli, tuttora presenti: Hic liber pertinet ad locum sancti Bernardini de Tridento Ordinis Minorum de Obsservantia, 1494, 25 iunii.   

Nel 1694 i Riformati abbandonarono il vecchio convento di San Bernardino e ne costruirono uno nuovo non molto lontano, su una collina, accanto ad una preesistente villa del secolo XVI, detta la Torricella Madruzza, mantenendo però la stessa denominazione. Qui venne trasportata la biblioteca, per la quale nel 1754 fu costruito un nuovo locale, ampio e luminoso.             

Nel 1970 si aggiunse un nuovo contenitore accanto alla vecchia sala e nel 1996 si ristrutturò una casa rustica collegata mediante passaggio aereo al precedente corpo della biblioteca. Questa divenne la nuova sede per l’apertura al pubblico. 

Fra il 1996 e 1997 furono accorpate alla biblioteca di San Bernardino del convento di Trento le sette biblioteche dei conventi periferici, cioè di Arco, Borgo Valsugana, Cavalese, Cles, Mezzolombardo, Pergine e Rovereto: queste biblioteche rimangono però come fondi separati.             

La biblioteca possiede personalità giuridica e assunse la denominazione di Fondazione Biblioteca San Bernardino, con proprio statuto.  

Notizie tratte da: Stenico Remo OFM, La biblioteca San Bernardino dei Francescani in Trento, Trento 1996

La Fondazione

La Fondazione Biblioteca San Bernardino con sede a Trento è un ente appartenente alla Provincia S. Antonio dei Frati Minori e ha come scopo la conservazione, tutela e valorizzazione del patrimonio librario raccolto nel corso dei secoli dai Frati Minori sul territorio trentino.

La presenza di una biblioteca presso il vecchio convento di San Bernardino a Trento è attestata da note manoscritte apposte sui volumi sin dal 1494.

Attualmente, presso la propria sede, la Fondazione raccoglie, oltre al cospicuo fondo del convento di Trento, le biblioteche dei conventi di Arco, Borgo Valsugana, Pergine, Mezzolombardo, Cles, Cavalese e Rovereto.

Il suo patrimonio supera i 220.000 volumi e comprende più di 30.000 edizioni antiche (precedenti al XIX secolo) tra le quali si segnalano gli oltre 300 incunaboli e le 3.600 edizioni del Cinquecento.

Cuore della biblioteca è la “sala antica” realizzata alla metà del XVIII secolo, che conservatasi da allora, le conferisce una suggestione particolare

Dal 1996 la Fondazione ha aderito al Catalogo Bibliografico Trentino (CBT) ed è quindi inserita nel Sistema Bibliotecario Trentino (SBT) coordinato dal competente ufficio della Provincia Autonoma di Trento. Naturalmente collabora con la Soprintendenza provinciale preposta alla tutela del patrimonio librario.

Leggi tutto “La Fondazione”

Contatti