CROCIFISSO

Ambito/Autore : Ambito veneto (scultura); ambito francescano (croce)

Periodo storico: 17° secolo
Anno: 1650 ca.(scultura); 1750-1800 (croce)
Soggetto: Crocifisso
Luogo di conservazione: Trento, Fondazione Biblioteca San Bernardino, biblioteca antica
Materia e tecnica: avorio intagliato, legno intarsiato in madreperla, cm 16 x 10

Descrizione:

La croce, profilata in avorio, è decorata da croci entro orbicoli, rosette e piccoli motivi cruciformi, realizzati ad intarsio in madreperla. Presenta numerose lacune in particolare sui bordi, all’incrocio dei bracci e nel cartiglio. La tipologia decorativa è quella tipica delle manifatture francescane nel corso del XVIII secolo e a tale proposito si rimanda al saggio di Daniela Floris.

Discorso diverso va fatto per la scultura eburnea di Cristo crocifisso. Realizzata con molta cura, risponde alla tipologia di Cristo vivente e trova adeguata collocazione in ambito veneto verso la metà del Seicento. L’esuberante pittoricismo del volto e dell’anatomia è di segno prettamente barocco, mentre la foggia del perizoma retto da cordicella, con il fianco destro scoperto, il lembo anteriore a coprire il pube e la cocca ricadente sul fianco è di differente matrice ed è ancora indubbiamente legata ai modi diffusi nel primo Seicento da Francesco Terilli.

Fonti: FBSB CR 18.

Bibliografia: inedito.

torna ai risultati della ricerca